Marzo 2020

Sole

• 01 marzo: sorge alle 06:46 e tramonta alle 18:04
• 15 marzo: sorge alle 06:22 e tramonta alle 18:18
• 31 marzo: sorge alle 06:55 e tramonta alle 19:36 (ora legale)

Nel corso del mese la durata del giorno aumenta di circa 1 ora e 23 minuti.

Alle ore 03:50 del 20 marzo: Equinozio Primaverile.

Alle ore 02:00 del 29 marzo torna in vigore l’Ora Estiva o “Ora Legale”, pari ad un’ora in più rispetto all’Ora Solare o TMEC (Tempo Medio dell’Europa Centrale).

Fasi Lunari

• 02 marzo: Luna al Primo Quarto
• 09 marzo: Luna Piena
• 16 marzo: Luna all’Ultimo Quarto
• 24 marzo: Luna Nuova

Il giorno 10 marzo alle ore 06:31 la Luna raggiungerà il perigeo (357.128 km), mentre il giorno 24 marzo alle ore 15:20 la Luna raggiungerà l’apogeo (406.691 km).

OSSERVABILITA’ DEI PIANETI (Visibilità dei pianeti ripresa dal sito astronomia.com)

Mercurio. Come avvenuto per il mese di Febbraio, i primi giorni del mese sono ancora favorevoli per l’osservazione dell’elusivo pianeta. Lo si può individuare ad Ovest, dove tramonta circa un’ora e mezza dopo il Sole. Nei giorni a seguire, riduce sempre più la sua distanza apparente dalla nostra Stella, fino al giorno 15, data in cui i due astri saranno in congiunzione. Lo vedremo ricomparire nel cielo orientale, dove a fine mese sorge circa 50 minuti prima del Sole.

Venere. Il pianeta più luminoso continua a splendere incontrastato nei cieli della sera. Le sue condizioni di visibilità, continuano infatti a migliorare per tutto il mese di Marzo. Il giorno 4 passa dalla costellazione dei Pesci a quella dell’Ariete, che attraversa per intero fino al giorno 30, quando passa nel Toro.

Marte. Il pianeta rosso è uno dei protagonisti del cielo del mattino. Lo vedremo infatti più volte affiancato da Giove e Saturno, in spettacolari congiunzioni. Il pianeta rosso si trova fino a fine mese nella costellazione del Sagittario, quando passa nel Capricorno.

Giove. Il gigante gassoso è il più luminoso dei tre pianeti protagonisti del cielo del mattino. Lo possiamo ammirare tra le prime luci dell’alba sull’orizzonte a Sud-Est. Le condizioni di osservabilità sono praticamente identiche a quelle di Marte, con cui nel corso del mese si troverà in congiunzione. Giove rimane per tutto il mese di marzo nella costellazione del Sagittario.

Saturno. Anche Saturno appartiene al gruppo di pianeti visibili al mattino prima dell’alba. Il Signore degli Anelli termina il corteo, preceduto da Giove e da Marte, da cui viene raggiunto proprio alla fine del mese, chiudendo la serie di suggestive congiunzioni mattutine nel cielo sud-orientale visibili all’inizio dell’alba. Il giorno 21 lascia la costellazione del Sagittario – che lo ospitava da ben 3 anni – per fare il suo ingresso nel Capricorno, dove resterà fino al 2022.

Urano. Possiamo osservare Urano nelle prime ore della sera. L’intervallo è simile a quello di Venere, con cui si trova in congiunzione il 9 marzo, ma è destinato a ridursi rapidamente e l’orario del suo tramonto anticipa sempre più durante il mese. Data la bassa luminosità sarà sempre più difficile riuscire ad osservarlo, così basso nel cielo serale. La luminosità di Urano è comunque sempre al limite della visibilità ad occhio nudo e per individuarlo è necessario l’uso di un telescopio. Il pianeta si trova ancora nella costellazione dell’Ariete.

Nettuno. Nettuno è inosservabile per tutto il mese. Il giorno 8 si verifica infatti la congiunzione con il Sole. A fine mese sorge ad oriente al mattino presto, ma data la sua bassa luminosità, è di fatto praticamente impossibile individuarlo, poichè troppo basso sull’orizzonte orientale. Nettuno si trova ancora nella costellazione dell’Acquario, dove è destinato a rimanere molto a lungo, fino all’anno 2022.

 

CARTE DEL CIELO

Visualizza o scarica le mappe del cielo realizzate con Cartes du Ciel in formato PDF:

– osservatorio: Montepulciano
– data: 15 marzo 2020
– orario: 21:00
– coordinate: altazimutali