Sole

• 01 aprile: sorge alle 06:54 e tramonta alle 19:37
• 15 aprile: sorge alle 06:30 e tramonta alle 19:52
• 31 aprile: sorge alle 06:08 e tramonta alle 20:09

Nel corso del mese la durata del giorno aumenta di circa 1 ora e 18 minuti.

Fasi Lunari

• 01 aprile: Luna al Primo Quarto
• 08 aprile: Luna Piena
• 15 aprile: Luna all’Ultimo Quarto
• 23 aprile: Luna Nuova
• 30 aprile: Luna al Primo Quarto

Il giorno 7 aprile alle ore 18:08 la Luna raggiungerà il perigeo (356.910 km), mentre il giorno 20 aprile alle ore 19:32 la Luna raggiungerà l’apogeo (406.460 km).

OSSERVABILITA’ DEI PIANETI (Visibilità dei pianeti ripresa dal sito astronomia.com)

Mercurio. Al mattino, il pianeta si trova molto basso sull’orizzonte orientale e sorge poco meno di un’ora prima del Sole. Le possibilità di osservarlo sono pertanto assai ridotte. Con il passare dei giorni, la distanza angolare da Sole si riduce ulteriormente, rendendolo di fatto inosservabile.

Venere. Inizio mese di assoluto rilievo per Venere, che tramonta oltre 4 ore dopo il Sole. Avremo quindi parecchio tempo per poterlo osservare verso occidente, già a partire dal calare del crepuscolo. Con il passare dei giorni, il pianeta si avvicina al Sole, e a fine mese avrà già ridotto di 40 minuti il suo periodo di visibilità. Nel corso del mese Venere percorre quasi per intero la costellazione del Toro. Da non perdere, il 3 aprile, il suo transito nelle Pleiadi.

Marte. Il pianeta rosso è osservabile in direzione Sud Est nelle ore che precedono il sorgere del Sole. Nel corso del mese Marte si allontana da Saturno ed è l’ultimo a sorgere, tra i pianeti visibili al mattino, chiudendo il terzetto comprendente anche Giove (escludendo Mercurio, che è quasi inosservabile perchè vicino al Sole). Nel corso del mese Marte attraversa quasi per intero la costellazione del Capricorno, avvicinandosi al limite con l’Acquario.

Giove. E’ il primo pianeta a sorgere, ed anche il più luminoso nei cieli del mattino. Appare già dalle ultime ore della notte, per confondersi lentamente fra le luci dell’alba. Giove si sposta molto lentamente nella costellazione del Sagittario.

Saturno. Saturno presenta condizioni di osservabilità molto simili a Giove. Saturno, infatti, sorge poco dopo Giove e lo si individua facilmente poco più a sinistra, con una luminosità significativamente inferiore a quella del pianeta gigante. Saturno si trova nella costellazione del Capricorno, in cui è entrato il mese scorso.

Urano. Il pianeta è inosservabile, trovandosi in congiunzione con il Sole il 26 aprile. Dovremo attendere alcune settimane per osservarlo al mattino presto. Urano si trova nella costellazione dell’Ariete.

Nettuno. L’osservazione di Nettuno è ancora difficoltosa, data la modesta altezza sull’orizzonte orientale. E’ infatti reduce dalla congiunzione con il Sole del mese scorso. Nettuno si trova in congiunzione con Mercurio il giorno 3, ma i due pianeti sono così bassi sull’orizzonte da rendere il fenomeno praticamente inosservabile. Nettuno si trova ancora nella costellazione dell’Acquario, dove è destinato a rimanere fino all’anno 2022.

 

CARTE DEL CIELO

Visualizza o scarica le mappe del cielo realizzate con Cartes du Ciel in formato PDF:

– osservatorio: Montepulciano
– data: 15 aprile 2020
– orario: 21:00
– coordinate: altazimutali