Sole

• 01 febbraio: sorge alle 07:28 e tramonta alle 17:24
• 15 febbraio: sorge alle 07:10 e tramonta alle 17:43
• 28 febbraio: sorge alle 06:50 e tramonta alle 18:00

La durata del giorno aumenta di 1 ora e 14 minuti dall’inizio del mese.

Fasi Lunari

• 04 febbraio: Luna Nuova
• 12 febbraio: Luna al Primo Quarto
• 19 febbraio: Luna Piena
• 26 febbraio: Luna all’Ultimo Quarto

Il giorno 5 febbraio alle ore 10:28 la Luna raggiungerà l’apogeo (406.555 km), mentre il giorno 19 febbraio alle ore 10:03 la Luna raggiungerà il perigeo (356.761 km).

OSSERVABILITA’ DEI PIANETI

Mercurio è inosservabile fino al giorno 8, quando riappare tra le luci del tramonto per la migliore apparizione serale dell’anno: ad iniziare dal 15 cala dopo il termine del crepuscolo nautico e il 27, quando raggiunge la massima elongazione orientale di 18°.1, scompare sotto l’orizzonte occidentale alla fine del crepuscolo astronomico. Inizialmente nel Capricorno, il giorno 8 entra nell’Acquario che attraversa velocemente per spostarsi, il 22, nei Pesci; il 25 è al perielio.

Venere è l’oggetto più brillante del cielo mattutino ma la sua visibilità è in diminuzione: all’inizio del mese precede la levata del Sole di quasi 3 ore che si riducono a meno di 2 alla fine. Sta velocemente attraversando il Sagittario, dove è protagonista di alcune congiunzioni particolarmente ravvicinate: il 7 febbraio passa 6’ a sud della stella Mu, il 15 è 2’ a nord di Xi2 mentre il giorno 18 transita quasi contemporaneamente 6’ a nord di Pi Sagittarii e 1°.1 a nord di Saturno.

Marte è visibile di sera e per l’intero mese tramonta costantemente poco dopo le 23. Il giorno 13 si sposta dai Pesci nell’Ariete e lo stesso giorno è in congiunzione con Urano, 1°.1 a nord del pianeta.

Giove è visibile al mattino nell’Ofiuco dove il giorno 7 è in congiunzione con Sabik, 6°.6 a sud di Eta Ophiuchi; il 25 è invece 2°.5 a nord della stella di 3a magnitudine Theta Ophiuchi. La sua visibilità è in progressivo aumento e a fine mese la sua levata anticipa di quasi 3 ore le prime luci del crepuscolo.

Saturno è inizialmente visibile all’alba nelle immediate vicinanze di Omicron Sagittarii, di magnitudine +3.8; la sua visibilità migliora progressivamente e già nella prima decade la sua levata anticipa l’inizio del crepuscolo. Il giorno 14 è in congiunzione con Pi Sagittarii, 1° a sud della stella di magnitudine +2.9, il 18 viene invece superato, 1°.1 più a nord, da Venere.

Urano è visibile nella prima parte della notte 1°.5 a nord-est di Omicron Piscium, ma la sua visibilità serale va lentamente riducendosi. Il giorno 6 esce dalla costellazione dei Pesci ed entra nell’Ariete dove il 13 viene superato, 1°.1 più a nord, da Marte.

Nettuno è teoricamente osservabile al tramonto 2° a ovest della stella Phi Aquarii, ma con grande difficoltà e solo nella prima parte del mese, dopodiché scompare tra le luci del crepuscolo.

 

CARTE DEL CIELO

Visualizza o scarica le mappe del cielo realizzate con Cartes du Ciel in formato PDF:

– osservatorio: Montepulciano
– data: 15 febbraio 2019
– orario: 21:00
– coordinate: altazimutali